sabato 19 gennaio 2013

H&M DESIGN AWARD 2013

H&M design award on design and fashion recipes

Ho sempre pensato che se ai miei tempi ci fossero state tutte le opportunità che ci sono oggi (internet, contest, social network, etc. etc.) forse avrei assecondato la mia dilettantistica passione di fashion designer e provato a lanciarmi in questo settore, magari partecipando a qualcuno di questi eventi che le case di abbigliamento e le riviste di moda organizzano periodicamente.

Per la maturità (a scuola, si intende) mi sono fatta regalare dai miei genitori una macchina da cucina, una Singer che ancora oggi mi accompagna ovunque (pure qui a Losanna). Mia mamma, post sessantottina con un'allergia cronica per tutto ciò che rappresentava lo stereotipo della donna dea del focolare e della famiglia, mi guardò storto chiedendosi se quella davanti a lei era veramente sua figlia o se mi avevano scambiato in culla (la somiglianza fisica non lasciava per fortuna sospetti).

La verità è che la genetica produce strani scherzi perché, saltando la figlia riottosa e contestatrice aveva trasmesso a me evidentemente qualcosa della mia nonna materna (grande sarta e diligente cuoca).
Non solo infatti adoravo (allora) disegnare abiti e cucire, ma avevo pure una passione sfrenata per la cucina (questa la coltivo ancora oggi), in totale contrapposizione con l'abitudine materna di mettere in tavola la stessa sbobba tutte le sante sere, impegno che non doveva richiedere più di 20 minuti complessivi di preparazione (apparecchiatura e sparecchiatura della tavola inclusa).

Con gli anni, quando la mancanza di indipendenza economica aguzza l'ingegno, la mia mamma ha imparato a sfruttare queste mie inclinazioni pagandomi per organizzare cene con gli amici di famiglia e per cucire orli o fare piccoli capi di abbigliamento (qualche vestitino da mare, bermuda, top...).

Perchè vi racconto tutto questo? perchè per il secondo anno consecutivo H&M, il famoso marchio svedese di abbigliamento low cost, organizza un fashion design award per giovani talenti. Il fortunato vincitore, o la fortuna vincitrice, riceverà in premio €50 000, la partecipazione al Mercedes-Benz Fashion Week in Stoccolma e pezzi della propria collezione in vendita in negozi selezionati del machio. Direi una grande occasione.

E quest'anno, fra i finalisti del H&M DESIGN AWARD, c'è pure una ragazza italiana, Eleonora Bruno, già segnalata fra i giovani talenti da Vogue lo scorso settembre.

Quando fra qualche mese entrerete in un negozio H&M e vedrete la capsule collection di un talento emergente, chiunque sia il vincitore, sappiate che state vedendo il risultato di un grande sogno realizzato!

Buona domenica a tutte

p.s. lo so, avevo detto che non avrei scritto post questo weekend, ma non ho resistito quando ho letto del design award.

4 commenti:

  1. ci penserò sicuramente quando le vedrò!!
    intanto mi ha affascinato molto la tua storia personale, secondo me bisogna sempre coltivare i propri sogni e le proprie passioni!!buona domenica, un bacio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabrina, è quello che sto provando a fare, ma chissà :-)

      Elimina
  2. ahahah la mamma 68ina! La capisco, vedeva nella Singer tutto quello che si voleva da una donna "massaia". ovviamente tu la desideravi per ben altri progetti. Inseguire i propri sogni è importante, me ne rendo sempre più conto.
    bel post non vedo l'ora di scoprire il nuovo talento H&M!

    Cheap and Glamour

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione Giusy! generazioni a confronto. Chissà cosa mi chiederà mia figlia quando avrà 18 anni. Tremo già all'idea.

      Elimina

Thanks for your comment | Grazie per i vostri commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...